Valerian e la città dei mille pianeti – Un film incompreso per un immeritato flop

Vale la pena di vederlo? (in 4 righe)

Certamente si. Non è un capolavoro per diversi motivi, ma è certamente un bel film, con un messaggio positivo ed una struttura che guarda al passato, all’epoca d’oro della fantascienza, a quel periodo di positività intellettuale che sono stati i 20 anni dopo la seconda guerra mondiale.

Il messaggio

Il film è maestoso e artisticamente impressionante.

Aldilà degli effetti speciali magistrali, la direzione artistica ha fatto un lavoro grandioso nel tratteggiare i particolari dell’universo del film, le diversità rappresentate (anche se inizialmente un po’ stereotipate) si fondono in quel grande calderone che è l’esistenza a bordo della stazione spaziale, vero leitmotiv e senso finale del film.

Continua a leggere

Your Highness – Volgare e becero

Vale la pena di vederlo? (in 3 righe)

No. Ancora non mi capacito come James Franco, Natalie Portman, Damian Lewis e altri nomi più o meno noti abbiano potuto partecipare a questa commedia piena di volgarità e umorismo becero, stile “300 – Chi l’ha duro la vince”, da evitare assolutamente.

La recensione

Vidi questo film tra le proposte di Netflix mesi fa, e a catturare l’attenzione fu quella che pareva essere un film demenziale fantasy con un cast di un certo livello.

Non capivo cosa potesse venirne fuori, pareva di base una cavolata, qualcosa che normalmente avrei evitato, ma quel cast, faceva trasparire una produzione di un certo livello.

Poi tempo dopo su suggerimento di un amico decisi di dargli una possibilità.

Grande errore.

L’umorismo del film è per il 90% battute a sondo sessuale di pessimo gusto e parolacce fuori contesto comico.

Vogliamo parlare del protagonista con in mano il pene di un Minotauro che lo porge verso la faccia di Natalie Portman facendolo “parlare”?

O quando si prepara a masturbarsi prima di andare a dormire? Esilarante……

Intendiamoci non sono contro la sessualizzazione di personaggi o scene, ma deve essere fatta bene, perché le parolacce fanno ridere, nel giusto posto e con il tempo comico giusto, così come fanno ridere tette, culi e peni se gestiti in una certa maniera, cosa che ovviamente non è successa in questo film.

E basta, non c’è molto altro da dire, è semplicemente un film brutto, non credo convenga nemmeno guardarlo in compagnia, sono solo due ore di tempo buttate.

Killjoys – Una serie da vedere

Non è Firefly, sebbene qualcuno sull’ internet ne citi delle somiglianze, ma è pur sempre una serie che merita di essere vista a mio parere, perché potrebbe catturarvi più di quanto ci si aspetti dalle prime puntate.

Il plot è semplice

“Cacciatore di taglie spaziali”

è già questo mi ha personalmente catturato, avete presente Cowboy bebop? ecco quello stile lì.

Le prime puntate sono semplici, presentazioni dei personaggi e dell’universo attraverso cui si muovono, appaiono molto verticali, ma in realtà hanno un giusto bilanciamento orizzontale che si farà sentire sul finale della serie di 10 puntate. Continua a leggere

Passengers – Recensione

Un onesto film da serata, una pellicola da mettere da parte e da tirare fuori quando vorrete vedere un film con la vostra ragazza, o se siete una ragazza, un film che potrete tranquillamente proporre al vostro lui con la tranquillità che non gli dispiacerà.

Il plot

La nave automatizzata Avalon è in viaggio verso la colonia stellare Homestead II, con un viaggio di andata di 120 anni e l’equipaggio e i 5000 passeggeri in sonno criogenico.

Ma qualcosa va storto e per qualche motivo ignoto uno dei passeggeri viene scongelato, ben 90 anni prima dell’arrivo a destinazione.

Ben presto l’uomo si renderà conto della propria situazione e della drammatica impossibilità di tornare a “Dormire”.

La trama è ben pensata, cosa farà quest’uomo condannato in una nave spaziale per il resto della propria vita? Come ne uscirà? Cosa c’è dietro all’apertura delle capsule?

Purtroppo per il film, la realizzazione è un po’ commerciale, la drammaticità di certe situazioni emotive, sia positive che negative non viene resa al meglio, lasciando scivolare via un po’ tutto il film. Continua a leggere

Rogue one – Recensione

Avete visto il trailer?

Bene avete visto tutto.

Dal  trailer scoprite che la protagonista è figlia di un ingegnere che ha partecipato alla PROGETTAZIONE della morte nera.

Intuite che l ‘ingegnere è stato COSTRETTO a lavorare al progetto.

Unite queste informazioni al fatto che da 30 anni ci si chiede come diamine avessero potuto PROGETTARE la morte nera con una FALLA DI SICUREZZA così grossa.. e avrete finito la storia di Rogue One.

insomma 2 + 2

Questo genere di film è sempre delicato da fare, perché narra una storia di cui si conosce già il finale, nel nostro caso, sapevamo che i ribelli avrebbero recuperato le informazioni della morte nera, perché avrebbero dovuto essere usate da Luke.

Quello che puo’ fare il film è narrare l’interessante e coinvolgente storia di come ci si è arrivato ad averli. Continua a leggere

Doctor Strange – Recensione

Sono andato al cinema con grandi aspettative per questo film, elogiato dal pubblico e dalla critica, cosa che accade raramente.

Addirittura ho letto titoli come

“Il miglior film Marvel di sempre!”

Mi aspettavo qualcosa al livello dei “Guardiani della galassia”, magari anche qualcosa in più sul lato profondità.

Ma nulla, aspettative deluse. Continua a leggere

Caos a Deponia – Recensione

Caos a Deponia è il degno proseguimento di “Fuga da Deponia”, sempre sopra le righe, una storia lanciata e enigmi ben bilanciati

Voto 9

Pro

  • Grafica ed estetica
  • Enigmi
  • Rufus e le sue cialtronate

Contro

  • Nessuno
  • Il costo come per il primo (ma ci sono i saldi!)

Avviso Spoiler!!! Se non avete giocato al primo capitolo “Fuga da Deponia” leggete prima questa recensione.

Trama

Il gioco riprende esattamente dove avevamo lasciato alla fine del primo, ovvero Rufus che dopo uno scambio sconveniente, tenta di salvare Gal , ma nel farlo…

Bhe non vi voglio dire nulla, lascerò che sia la voce narrante ad inizio gioco a narrarvi l’esito della sua azione eroica, *ride sommessamente* Continua a leggere

New York Crimes – recensione

I Pendulo studios con New York crimes realizzano un altra avventura grafica semplice ed onesta, dalla durata breve, ricca di atmosfera, enigmi ed umorismo.

Voto 8

Pro

  • Ambientazione
  • Storia

Contro

  • Evidenziamento degli Hot points carente
  • Forse un po’ troppo semplice come storia

Incipit

Siete un giovane che fa volontariato per una organizzazione no profit che si occupa di senza tetto, nonostante si vociferi di un possibile serial killer che faccia piazza-pulita di quest’ultimi, voi non vi tirate indietro quando dovete recarvi ad aiutare qualcuno in una stazione abbandonata della metropolitana, sarà stata un scelta saggia? Continua a leggere

To the Moon – recensione

Un gioco stupendo, offuscato dagli scarsi mezzi tecnici a disposizione dell’autore, ma..

..non posso che consigliarvi di acquistare “To the moon” e godervelo da soli, nella vostra intimità, perché il tema è uno di quelli che non si affronta di solito in opere come queste, un tema personale e delicato.

Voto 8

Pro

  • Emozionante
  • Colonna sonora
  • Narrazione sublime

Contro

  • Traduzione italiana
  • Grafica
  • Imprecisione nei comandi
  • Gestione degli elementi di sfondo

Incipit

Immaginate una tecnologia in grado di farvi vivere, almeno nei vostri ricordi, una vita nuova in cui potete fare ed ottenere quello che più desiderate, ora immaginate che vi sia offerta da una ditta privata questa possibilità mentre siete sul letto di morte… Continua a leggere

Sherlock Holmes contro Jack lo squartatore – Recensione

“Sherlock Holmes contro Jack lo squartatore” è una delle migliori avventure investigative a cui abbia mai giocato, un bilanciamento perfetto tra enigmi classici e investigativi in un atmosfera ben realizzata

Pro

  • Impostazione dell’avventura di tipo investigativo con enigmi e gameplay che supportano questo tipo di gioco
  • Buona grafica e doppiaggio in italiano

Contro

  • Un bug (forse di traduzione) in un enigma che lo rende irrisolvibile
  • Nient’altro

La storia

Seconda metà del 1800, misteriose e macabre morti di prostitute stanno per far precipitare White Chapel, uno dei più squallidi quartieri londinesi, nel terrore.

Ma di questo a inizio della storia, non ne sapremo niente, la storia (vera di Jack lo squartatore) si mescola alla fantasia (Sherlock Holmes) a dare un finale inedito che svelerà il chi e il perché di quelle morti. Continua a leggere