Eurovision Song contest – la storia dei Fire saga

Una commedia americana demenziale che non ti aspetti e che ti frega

Il film narra di in uomo islandese che fin da bambino sogna di vincere l Eurovision Song contest.

Per chi non lo sapesse l’Eurovision song contest è una manifestazione musicale in cui cantanti in arrivo da tutta Europa si sfidano per vincere il titolo.

Il contest e poco famoso in Italia, ma in tutta Europa ha centinaia di milioni di persone che lo seguono ogni anno, con più spettatori del super Bowl.

Continua a leggere

La teoria del tutto – Recensione

Vale la pena vederlo? (in 4 righe)

Il film è magistralmente girato, l’interpretazione dei protagonisti è eccezionale, Redmayne/Hawking in primis con la sua trasformazione fisica. Ancora non si è giunti ad unica equazione fisica che spieghi le forze fondamentali, ma certamente lo si è fatto con questo film.

Recensione

Il film è diventato famoso per aver lanciato Redmayne, che in questo film porta una straordinaria (triste) evoluzione fisica della malattia di Hawking.

Allo stesso livello l’interpretazione della tormentata moglie di Hawking, sempre credibile nella sua parte.

Il film ovviamente non parla di fisica, a malapena accenna alle teorie sviluppate dal fisico, e quasi sempre queste vengono narrate in chiave letteraria legandole a doppio filo nella loro rappresentazione filosofica, alle vicende del protagonista e in più generale dell’ essere umano.

Essendo tratta da una storia vera difficilmente potrebbe peccare di mancanza di autenticità, è triste realizzarlo, ma è dannatamente realistico come l’amore della moglie si esaurisca negli anni, sotto al peso delle incombenze terrene e giornaliere che la coppia deve affrontare.

L’umanità appare così fragile quando Jane (La moglie) si invaghisce di Jonathan (Il pianista) anche lui dopo aver perso la moglie un anno prima.

C’è solo da immaginare cosa possa aver realmente affrontato in quei momenti.

Jane non è persona cattiva, non ci sono buoni nella storia, è solo quello che è successo, e come dice Hawking nel film “Andrà tutto bene”.

è uno dei più bei film sui rapporti umani e sull’amore che abbia mai visto, la fisica fa solo da sfondo, e Hawking è inaspettatamente un coprotagonista nella storia, per gran parte del film ho avuto la sensazione che la tematica fosse di quanto una donna possa cambiare la vita ad un uomo, e di quanta forza possa dimostrare nel sostenere il proprio amore davanti anche a sfide così grandi.

Non abbiamo ancora un elegante equazione unica che spieghi il tutto, ma al momento per affrontare le difficoltà di tutti i giorni e le sfida più impegnative possiamo affidarci all’unica teoria del tutto che abbiamo, quella che abbatte i confini e ci unisce, e che la moglie di Hawking nella sua istintualità aveva compreso fin dall’inizio.

Passengers – Recensione

Un onesto film da serata, una pellicola da mettere da parte e da tirare fuori quando vorrete vedere un film con la vostra ragazza, o se siete una ragazza, un film che potrete tranquillamente proporre al vostro lui con la tranquillità che non gli dispiacerà.

Il plot

La nave automatizzata Avalon è in viaggio verso la colonia stellare Homestead II, con un viaggio di andata di 120 anni e l’equipaggio e i 5000 passeggeri in sonno criogenico.

Ma qualcosa va storto e per qualche motivo ignoto uno dei passeggeri viene scongelato, ben 90 anni prima dell’arrivo a destinazione.

Ben presto l’uomo si renderà conto della propria situazione e della drammatica impossibilità di tornare a “Dormire”.

La trama è ben pensata, cosa farà quest’uomo condannato in una nave spaziale per il resto della propria vita? Come ne uscirà? Cosa c’è dietro all’apertura delle capsule?

Purtroppo per il film, la realizzazione è un po’ commerciale, la drammaticità di certe situazioni emotive, sia positive che negative non viene resa al meglio, lasciando scivolare via un po’ tutto il film. Continua a leggere

The lobster

“The lobster” è un film d’autore uscito nel 2015.

D’autore perché ha ben poco di intrattenimento, è volutamente ricercato e orientato alla trattazione e discussione di un tema ben definito, ovvero l’amore e la dimensione sociale che assume nella società contemporanea.

è un film che consiglio solo a chi è appassionato di cinema, e lo vuole vedere per una propria cultura personale, oppure per chi è interessato ad un opera di riflessione sul tema in questione, non è un film da serata, insomma è un po’ “pesantuccio” nel senso buono del termine.

Il plot è presto detto:

In un universo distopico, le persone single vengono portate in un hotel, dove hanno 45 giorni di tempo per trovare un partner, oppure venir trasformati in un animale a scelta.

Continua a leggere